1

La grande testimonianza di Gesù

Lettere al popolo di Dio

8 gennaio 2023, Battesimo del Signore

 

La grande testimonianza di Gesù

Carissimi fratelli e sorelle,

siamo entrati nel terzo anno della PRESENZA INTERMEDIA DI GESÙ sulla Terra. La sua particolare presenza in spirito ci era stata annunciata dalla Madonna già nel suo messaggio del 7 dicembre 2020, al quale vi rimandiamo.[1]

Il nostro augurio a voi e a noi per l’anno 2023 è che possiamo entrare nella comunione piena e autentica con Gesù, con la sua vita e la sua opera a favore della Terra e di tutto l’Universo. Quanti di voi hanno seguito questi programmi e camminato con noi, hanno potuto ampliare lo sguardo sull’Universo e sulla dinamicità della sua storia. In tutti questi anni, abbiamo cercato sempre di indicarvi la strada semplice e luminosa che conduce al futuro glorioso dell’umanità e che passa necessariamente attraverso la RICAPITOLAZIONE IN CRISTO DELL’INTERO UNIVERSO.[2] In tal modo, nel silenzio e nella preghiera, avete potuto formarvi un vostro pensiero e fare le vostre scelte.

Il tempo trascorso ha visto accavallarsi molti eventi sulla Terra ed è ora di dare risposte a Dio. Occorre testimoniare l’opera che il Padre sta compiendo, attraverso suo Figlio Gesù Cristo, nella potenza dello Spirito Santo, per mezzo della “Chiesa di Gesù Cristo dell’Universo”, quella che è presente sulla Terra e quella che scende dal Cielo.

Negli ultimi anni, i membri del Nucleo Centrale[3] sono rimasti nel silenzio, per stare a faccia a faccia con Dio e condividere tra di loro la vita di Dio e l’azione a favore del popolo di tutto l’Universo. Anche per noi è giunto però il momento di testimoniare ciò che vediamo e sperimentiamo nella nostra missione, per aiutare il popolo di Dio a vivere unito a Cristo e testimoniarlo.

Chiariamo subito che non vi trasmetteremo nuovi messaggi e rivelazioni. Il Signore, infatti, ha parlato ampiamente a questo popolo, direttamente e attraverso i suoi strumenti, e quanto era necessario conoscere per questo tempo ci è stato rivelato. Tutto ciò costituisce il solido fondamento sul quale poggerà la nostra testimonianza, che speriamo vi porti un po’ di luce in questi tempi di buio. Interverremo di tanto in tanto su questo sito e siamo certi della vostra partecipazione alla grazia di questo tempo, che vogliamo condividere con tutti voi.

Di quale testimonianza parliamo? Tutti noi diciamo di testimoniare Gesù Cristo ed è vero. Tuttavia, Gesù afferma: “Io non ricevo testimonianza da un uomo”.[4] Alla luce di queste parole, comprendiamo che in realtà il vero testimone è lo stesso Gesù Cristo, il testimone fedele e veritiero di cui parla l’Apocalisse.[5] Gesù testimonia incessantemente il Padre, nella potenza dello Spirito Santo. Riferisce ciò che vede presso il Padre. Così parla a Nicodemo: “In verità, in verità ti dico: noi parliamo di ciò che sappiamo e testimoniamo ciò che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza.”[6]  Noi, dunque, riceviamo la sua testimonianza e la comunichiamo ai nostri fratelli; ma se non l’accogliamo che cosa testimoniamo?  Occorre dunque essere profondamente uniti a Gesù per accogliere e comunicare agli altri ciò che Egli testimonia al nostro spirito. Questo ci rende a nostra volta testimoni autentici del Cristo.

Gli strumenti straordinari – Angeli, Nucleo Centrale e Fratelli dell’Universo fedeli a Dio – dei quali tanto vi abbiamo parlato, sono in questo tempo particolarmente uniti a Gesù, lo seguono e lo affiancano nella sua azione silenziosa e potente. Egli è qui sulla Terra, particolarmente presente in spirito, ma la sua azione si ripercuote su tutto l’Universo. Con la sua VENUTA INTERMEDIA, Gesù ci porta ancora una volta la testimonianza di ciò che il Padre sta compiendo. Chiede agli strumenti straordinari di accogliere la sua testimonianza e di riferirla al suo popolo, affinché diventi a sua volta testimone fedele.

Come membri del Nucleo Centrale viventi sulla Terra, rispondiamo all’invito del Signore e ci mettiamo a sua disposizione per comunicarvi la grande testimonianza di Gesù per questo tempo e per questa umanità.

Il Signore aspetta la nostra rinascita dall’alto.[7] Invano abbiamo celebrato il Natale del Signore se non è rinata in noi la vita divina, se non ci siamo resi disponibili a cambiare in meglio la nostra esistenza per conformarci a Lui. Gesù è qui, glorioso in mezzo a noi, con la sua Santissima Madre, per portarci nella sua gloria. Unita a Lui, è presente anche la sua Chiesa di tutto l’Universo – Angeli, Santi, umanità fedeli a Dio, anime del Purgatorio – che scende dal Cielo per venire in aiuto alla Terra.

Il Signore attende che il suo popolo fiorisca e porti frutti abbondanti di vita eterna. Solo Gesù può offrire le soluzioni giuste ai problemi esistenziali che assillano la nostra umanità. Quanti lo accoglieranno nella loro vita, sentiranno la sua voce e avranno le risposte ai loro problemi. Egli è la fonte della vita.

La Chiesa che scende dal Cielo testimonierà la vita e l’azione di Dio Trino e Uno. Lo faremo noi, insieme agli altri membri del Nucleo Centrale. Lo farà anche il popolo di Dio presente sulla Terra, che ha deciso di appartenere alla “Chiesa di Gesù Cristo dell’Universo” e si è messa a servizio di quanti desiderano percorrere questo cammino, per aiutarli. Tutti insieme saremo il Corpo Mistico di Cristo e daremo la nostra testimonianza a tutto l’Universo.

Dio è mistero. È in Lui la PIENEZZA DELLA VITA che si effonde su tutte le creature. Senza di Lui, nessuno possiede questa pienezza. Dopo il peccato originale, il Padre ha mandato sulla Terra suo Figlio Gesù Cristo, che si è incarnato in mezzo a noi nella sua prima venuta. È venuto a comunicarci la sua vita e ad indicarci la strada verso la pienezza. Ha fondato la sua Chiesa e poi, lungo i secoli, ci ha inviato innumerevoli testimoni santi. Dalla gloria del Cielo ci ha mandato sua Madre, apparsa sulla Terra molte volte e in molti luoghi per aiutarci. Ed è stata soprattutto Lei, l’Immacolata, insieme alla Chiesa che scende dal Cielo, a preparare la venuta intermedia di Gesù, ancora una volta sulla Terra, ancora una volta a favore di tutto l’Universo.

Gesù glorioso, che ha attraversato e vinto la morte, è qui per portarci di nuovo la sua grande testimonianza di ciò che vede presso il Padre. Quanti lo accoglieranno e crederanno in Lui, sperimenteranno già una vita piena, anche in mezzo alle inevitabili difficoltà di ogni giorno e alle prove dolorose che l’umanità sta attraversando.

Il Signore intensificherà progressivamente la sua azione, che sarà sempre più rapida. Dividerà l’umanità, separando coloro che si uniranno a Lui per essere salvati da coloro che sceglieranno di perdersi senza di Lui.

Abbiamo voluto dare a questi nostri interventi il titolo di “Lettere al popolo di Dio”. Le lettere si scrivono soprattutto alle persone care e voi ci siete cari, siete i nostri fratelli e sorelle con i quali formiamo un solo popolo. Cercheremo di aiutarvi progressivamente a capire questi tempi e le strade da percorrere, per condividere con voi le promesse di Dio, le attese e le speranze di una nuova umanità, in cammino verso la Nuova Creazione.

Il Signore vi benedica e vi doni la sua pace

                                                                                   Stefania Caterina e P. Tomislav Vlašić

 

 

 

[1] Nel messaggio della Madonna del 7 dicembre 2020 “Il tempo messianico”, si legge tra l’altro: “Lungo i secoli, molti mistici hanno parlato della VENUTA INTERMEDIA DI GESÙ pur non avendo ben chiaro di cosa si trattasse. Ebbene, la presenza in spirito di Gesù in mezzo al suo popolo, di cui vi parlo, sarà proprio la venuta intermedia di Gesù.  Precederà la sua venuta gloriosa nella quale Gesù si presenterà in carne ed ossa come Figlio di Dio e Figlio dell’Uomo. Verrà a giudicare l’umanità e a dividere per sempre la luce dalle tenebre, i figli di Dio dai figli di Satana. Stabilirà definitivamente il Regno di Dio e lo offrirà al Padre nello Spirito Santo. Introdurrà i figli di Dio nella creazione nuova che il Padre avrà preparato per loro”.

[2] Cfr. Ef 1,10

[3] Stefania Caterina e P. Tomislav Vlašić sono membri del Nucleo Centrale – uno dei tre strumenti straordinari di questo tempo- del quale abbiamo parlato a lungo e del quale potete trovare ampio approfondimento su questo sito

[4] Cfr. Gv 5, 34

[5] Cfr. Ap 3, 14

[6] Cfr. Gv 3, 11

[7] Cfr. Gv 3, 1-15