Vi lascio nelle mani di Mio Figlio

image_printStampa

 7 agosto 2021 – Solennità di Dio Padre

 

Messaggio del Padre

 

Vi lascio nelle mani di mio Figlio

 

 

Questo è anche il TEMPO DEL SILENZIO DI DIO, di cui mio Figlio vi parlerà. Silenzio non significa che Dio non parlerà più ma che parlerà in modo diverso. Io parlerò, per mezzo di mio Figlio, nelle profondità del vostro spirito. Lo Spirito Santo farà udire in voi la voce di Gesù e tutti coloro che hanno detto sì al momento del concepimento riconosceranno e seguiranno la voce del Pastore.[1] 

“Carissimi figli,

vi ringrazio perché siete ancora una volta qui, in quest’anno molto particolare per tutti voi e per l’intera umanità. Si tratta di un anno di passaggio verso il TEMPO MESSIANICO, che vi è stato annunciato e che ora deve raggiungere la sua pienezza.[2]

Ancora una volta ho mandato mio Figlio sulla Terra come luce del mondo,[3] affinché la sua luce brilli in ciascuno di voi, nel mio popolo e su tutta la Terra. La luce di mio Figlio farà emergere anche le tenebre, perciò una grande battaglia avrà luogo su questo pianeta.  Sarà l’inizio di un forte scontro tra luce e tenebre. Questa battaglia terminerà con la venuta gloriosa di mio Figlio alla fine dei tempi o, per meglio dire, con la sua manifestazione gloriosa, perché Gesù già ora è qui, in mezzo a voi. In questo tempo messianico, la stella di mio Figlio Gesù deve brillare in questo pianeta oscuro, a favore di tutto l’Universo che attende la salvezza. 

Questo è anche il TEMPO DEL SILENZIO DI DIO, di cui mio Figlio vi parlerà. Silenzio non significa che Dio non parlerà più ma che parlerà in modo diverso. Io parlerò, per mezzo di mio Figlio, nelle profondità del vostro spirito.[4] Lo Spirito Santo farà udire in voi la voce di Gesù e tutti coloro che hanno detto sì al momento del concepimento riconosceranno e seguiranno la voce del Pastore.[5] 

Deve emergere la voce del Salvatore, l’unico che può portarvi alla salvezza. Perciò non stupitevi se le voci dei veri profeti si abbasseranno, si affievoliranno fin quasi a scomparire.  Ora è tempo che i veri profeti tacciano, perché deve parlare Colui che è la Parola di Dio. Al contrario, emergeranno i falsi profeti che grideranno sulle piazze e attireranno a sé tutti coloro che non mi appartengono, perché rifiutano mio Figlio Gesù.  Molti verranno anche nel nome di Gesù ma non saranno pecore del suo ovile, e non dovrete seguirli. [6]

La vostra strada è chiara ed è tracciata già da molto tempo, ed è il momento che tutti voi riprendiate quanto vi è stato detto in questi anni, e cominciate a viverlo. Le rivelazioni che avete ricevuto non sono favole, né belle parole per consolarvi: sono il cammino per questo tempo.

Se qualcosa avete trascurato, non avete capito o non avete messo in pratica, ora è tempo di riparare.  Riprendete e approfondite seriamente questo cammino, insieme ai vostri sacerdoti e ai responsabili di questo popolo, altrimenti non potranno giungervi cose nuove se non avete capito quelle vecchie.

In questo tempo, gli strumenti straordinari saranno ritirati, staranno accanto a mio Figlio e lo seguiranno dovunque andrà; ci saranno molte pecore da raccogliere da numerosi ovili.[7] 

Ora è il vostro tempo: questo popolo deve scendere sul terreno per testimoniare ciò che ha ricevuto. Anche se non siete molti, io vi ho resi forti per una grande testimonianza. Non abbiate perciò timore di scendere sul terreno e di fare ciò che vi è chiesto, perché l’umanità della Terra si attorciglia su se stessa, e questa pandemia non finirà prima che i miei figli abbiano capito tutto quanto c’è da capire.[8]

Molti altri fatti accadranno su questo pianeta, perciò dovrete essere pronti. Non vi chiedo di fare grandi cose ma di mettere in pratica quello che vi è stato indicato. Passi semplici, concreti, pieni di amore e non vi è chiesto altro.

Mio Figlio è presente sulla Terra per separare la luce dalle tenebre, radunare il suo popolo e rafforzare ciascuno di voi.  Dovete brillare della sua luce, altrimenti tutto sarà inutile. Per questo vi chiedo un serio lavoro di approfondimento e di una maggiore comprensione del vostro cammino.

È tempo di fare un bilancio della vostra vita, perché il giudizio comincerà dalla casa di Dio, ricordatelo bene.[9] Mio Figlio è qui ed il vostro compito è di sentire la sua presenza, viverla e testimoniarla. Non occorre altro a questa povera umanità, perché nessun altro la potrà salvare se non mio Figlio.

Con queste parole vi saluto e vi lascio nelle mani di mio Figlio. Vi saranno date le indicazioni che vi serviranno, nel modo giusto e al tempo giusto. Però non aspettate che io vi segua passo dopo passo, come ho fatto fino ad oggi, perché ora siete voi a dover seguire me e potrete farlo solo seguendo Gesù.

Il popolo di Dio deve finalmente conoscere il suo Salvatore, perché molti cristiani della Terra parlano di Gesù Cristo ma pochi lo conoscono davvero. Io voglio che voi conosciate mio Figlio Gesù mediante una conoscenza che è amore, forza, benedizione, testimonianza. Lo Spirito Santo vi guiderà. Vi ringrazio per tutti i passi che avete fatto e per quelli che farete. Vi sarò sempre accanto.

Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”.

[1] Cfr. Gv 10, 1-6

[2] Messaggio della Madonna del 7 dicembre 2020 “Il tempo messianico”

[3] Cfr. Gv 8, 12; Gv 9, 5; Gv 12, 46

[4] “La rivelazione che raggiunge l’ultimo stadio di Gesù è la realizzazione della profezia dell’Antico Testamento, secondo cui nel tempo escatologico (tempo finale n.d.r.) non si conoscerà Dio per insegnamento, ma si farà direttamente esperienza di lui (cf. Is 54, 13; Ger 31, 31-34).

Il versetto Gv 6, 46 ripete in parte quanto è detto in Gv 1, 18 e tende ad esprimere la differenza tra il credente e il Figlio dell’Uomo che solo conosce perfettamente Dio. A motivo di questa relazione il Figlio rivelatore è anche il Mediatore fra gli uomini e Dio Padre”. (Dal Lezionario meditato vol VI, Pag. 391-  EDB)

[5] Cfr. Gv 10, 1-6

[6] Cfr Gv 10, 22-30; Lc 21, 8

[7] Cfr. Gv 10, 16

[8] Si riferisce alla pandemia da coronavirus Covid 19, che colpisce la Terra dal 2020

[9] Cfr. 1P 4, 17

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi