Camminate verso il perdono

 1° agosto 2020 – Vigilia della solennità della Regina degli Angeli

Messaggio di Maria Santissima

Camminate verso il perdono

“ Carissimi figli.

vi saluto alla vigilia di questo giorno che mi è particolarmente caro, nel quale mi celebrate  come Regina degli Angeli e ricordate il perdono ottenuto dal mio amatissimo figlio San Francesco.[1] Sono grata di celebrare insieme a voi. Sono anche grata a Dio e a voi per tutti i vostri passi e per il vostro cammino.

Figlioli, il perdono non è un atto magico o unilaterale che proviene da Dio ma è il culmine di un processo, attraverso il quale l’anima si rivolge a Dio perché vede il suo peccato, si rende conto di essere lontana dalle leggi di Dio e chiede  l’aiuto del Signore per superare le sue mancanze. Il perdono è frutto del cammino  dei singoli e di un popolo, perché ci sono peccati anche nel popolo; il popolo di Dio sulla Terra ha conosciuto tanti peccati.

Vi chiedo oggi di compiere insieme a me un cammino di purificazione da ogni peccato, non soltanto personale ma di tutto il popolo di Dio. Ricordate che il popolo nuovo, cioè la Chiesa di Gesù Cristo dell’Universo, ha in sé la capacità di espiare i peccati,  e di supplire alle mancanze del restante popolo di Dio. Sulla Terra ci sono tanti figli di Dio di buona volontà,  che sono sporcati dal mondo, inseriti in una realtà difficile, spinosa. Molto spesso cadono superficialmente nel peccato, senza riflettere. La Chiesa di Gesù Cristo dell’Universo compie allora il cammino verso il perdono a nome di tanti figli di Dio.

Vi invito a questo cammino, ciascuno e tutti assieme, per ottenere il perdono a tanti fratelli, come San Francesco l’ha ottenuto. Ora è un popolo che lo deve ottenere per quella parte di umanità che ancora può essere strappata al Maligno. Purtroppo, una gran parte di umanità, sulla Terra e nel Basso Universo, non vuole compiere questo cammino e non cerca di riparare al suo peccato, anzi, si compiace del male che fa, come potete vedere ogni giorno.

 

Per questo Dio deve intervenire ancora una volta, per separare definitivamente l’umanità che gli appartiene da quella che appartiene a Satana. Oggi, quando ricordate particolarmente gli Angeli che mi circondano e mi servono fedelmente, vi dico che il Padre sta mandando gli Angeli a raccogliere ciò che è suo e a separare una volta per sempre il grano dalla zizzania.[2] Vedrete l’opera potente di Dio attraverso i suoi Angeli. Vedrete cadere molti potenti, molti sistemi e fortezze del nemico, perché gli Angeli percorreranno l’intero Universo. Vi chiedo di unirvi spiritualmente a loro, alla loro preghiera e alla loro azione.

Preparatevi alla solennità del Padre che è per voi importantissima.[3] È un crocevia grandioso fra quello che avete fatto fin qui e quello che farete in avanti. Ogni volta che onorate, benedite, ringraziate il Padre e lo fate conoscere al mondo, fate un passo grande nel vostro cammino. Perciò questa solennità, che celebrate ogni anno, è un passo avanti grande per tutti voi. Il Padre vi parlerà e vi manifesterà la sua parola. Voi preparatevi e preparate le persone che vi sono affidate, attraverso la vostra vita, la preghiera e l’offerta.

Il tempo in cui vivete è un tempo grave. L’umanità della Terra è afflitta, non soltanto dalla pandemia che colpisce il corpo, ma soprattutto dalla pandemia spirituale che è il peccato contro lo Spirito Santo, il peccato più grande che imperversa sulla Terra.

Figlioli, quello che vi ho detto è importante: camminate verso il perdono, chiedetelo per i figli di Dio, per strapparli alla morte. Aiutatemi in questa opera perché senza conversione sarà difficile salvare tanti dalla morte. Senza il desiderio sincero della vita di Dio, l’umanità rimane nella morte.

Vi benedico e vi sono vicina nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

[1] L’Ordine francescano celebra il 2 di agosto la festa di Santa Maria degli Angeli. „San Francesco, per il suo singolare amore verso la beatissima Vergine, ebbe sempre particolare cura della chiesetta dedicata a Santa Maria degli Angeli, detta anche Porziuncola…Alla stessa cappella, secondo la tradizione, ottenne la storica indulgenza plenaria (il perdono di Assisi n.d.r.) che i sommi pontefici confermarono successivamente ed estesero a numerose altre chiese” Dal Messalino Francescano Ed Messaggero Padova.

[2] Cfr. Mt 13, 36-42

[3] Ogni anno, il giorno 7 di agosto, la Chiesa di Gesù Cristo dell’Universo presente sulla Terra, celebra la solennità di Dio Padre e consacra a Lui tutta la Terra.